FONTANILI

I fontanili sono elementi caratteristici del paesaggio della pianura lombarda, che grazie all'abbondanza di acqua è sempre stata sempre fertile e particolarmente adatta all'agricoltura.

Dal punto di vista geologico, viene suddivisa in "alta pianura" e "bassa pianura". Il sottosuolo dell'alta pianura è costituito da ghiaie grossolane deposte nel periodo quaternario ai piedi delle Alpi, la cui granulometria e permeabilità decresce verso Sud. Il sottosuolo della bassa pianura è invece composto da sedimenti prevalentemente fini, come limo e argilla.

Nella fascia di transizione tra le due pianure, dove è situato anche Offanengo, le frazioni più fini cominciano ad essere presenti in quantità rilevante e le acque delle falde s'innalzano per effetto della risalita provocata dalla diminuzione di permeabilità. Le acque che sgorgano in superficie sono dette "risorgive" e/o "fontanili".

Si tratta di acque che, provenendo dalla falda sotterranea, mantengono una temperatura costante tutto l'anno (attorno ai 10/14 °C) e di conseguenza non ghiacciano nei mesi invernali. Questa acqua relativamente calda è stata una delle ragionidello sviluppo di un'agricoltura molto redditizia nella Pianura Padana intorno all'anno 1000. Tipiche erano le "marcite", coltivazioni di foraggio ad elevata produttività, irrigate per almeno 9/10 mesi l'anno dalle acque risorgive.

La temperatura costante, la limpidezza e la portata sempre regolare delle acque risorgive permettono inoltre lo sviluppo di una vegetazione acquatica del tutto particolare e di una fauna estremamente ricca e variegata, sicuramente da tutelare.

Nel territorio comunale di offanengo sono presenti i seguenti fontanili:

1) FONTANONE DI OFFANENGO: situato a Nord-Est della cascina Becchilsù, inserito in aree generalmente pianeggiante del bacino idrico del fiume Serio. Situato in zona indisturbata dal punto di vista naturalistico, tanto che si era verifica la rara presenza del “gambero di fiume” autoctono (Austropotamobius pallipes), non ancora eliminato dall’esotico antagonista, “gambero rosso della Louisiana” (Procambarus clarkii). Aveva subito nel 2010 un intervento di riqualificazione idraulica, finanziato dal PSR;

2) FONTANONA:
situato a Sud-Ovest del Molino Venturino e a Nord del complesso industriale COIM spa, inserito in area generalmente pianeggiante nel bacino idrico del fiume Serio. Nel 2010 si erano effettuati degli interventi di piantumazioni per permettere la ricostituzione di almeno una parziale copertura arborea disetanea ad oggi quasi del tutta assente;

3) PENSIEROSA:
situato a Nord-Est dell’abitato di Offanengo, inserito in area leggermente sopraelevata (dossi) rispetto al piano di campagna nel bacino idrico del fiume Serio, destinato per tradizione alla fruizione ricreativa. Nel 2010 aveva subito un intervento di pulizia straordinaria delle “polle” e il rifacimento delle palificate che sorreggono le sponde in testata;

4) CASTELLEONA OVEST: situato in prossimità della cascina Ronchi è inserito in area pianeggiante da tempo indisturbata nel bacino idrico del fiume Serio. E’ idraulicamente in buone condizioni, ma nel 2011 è stato programmato un intervento di rimboschimento;

5) FAVALLO:
situato a Sud della cascina Ca’Nova, inserito in aree depresse (principali linee di deflusso delle risorgive) nel bacino idrico del fiume Oglio. E’ sicuramente uno dei fontanili più meritevoli di attenzione dal punto naturalistico nel Comune, spesso sconosciuto anche agli Offanenghesi. Ad Oggi il capofonte ha una buona portata, di grande importanza i tini in legno; nel 2011 è stato finanziato dal PSR un intervento di rimboschimento per ripristinare la copertura vegetale in gran parte eliminata;

6) CASTELLEONA DI MEZZO:
situato a Nord della cascina Ronchi in aree generalmente pianeggiante nel bacino del fiume Serio, in una posizione perpendicolare al corso della roggia Pallavicina;

7) FAVALLINO:
situato a Nord della cascina Ca’Nova e a Ovest di un pozzo per irrigazione, inserito in aree depresse nel bacino idrico del fiume Oglio, presenta una buona copertura arborea, ma al contrario il capofonte a “L” con tini in cemento non risulta in buone condizioni dal punto di vista idraulico, con una scarsa o assente presenza d’acqua.

8) CASTELLEONA EST:
è situato a Nord-Est della cascina Ronchi, inserito in aree depresse nel bacino idrico del fiume Serio, con buona copertura vegetale e portata idrica, ma difficilmente raggiungibile, anche se posto nei pressi della roggia Zemia.