PGT - Commissione

Il Consiglio Comunale (con atto n. 62 del 28.9.2009) ha istituito la COMMISSIONE SPECIALE PER IL PGT definendone anche i compiti: evidenziare le principali caratteristiche che connotano il nostro territorio e approfondire le caratteristiche e i contenuti dei tre atti costituenti il PGT: Documento di Piano, Piano dei Servizi, Piano delle Regole.

La Commissione ha funzioni referenti e consultive ai fini di una più approfondita e specifica trattazione degli argomenti di competenza del Consiglio Comunale in materia di PGT. La Commissione intende perseguire un rinnovato sistema di pianificazione territoriale per la ricerca di condizioni di sviluppo compatibili con le risorse disponibili, nel rispetto di quanto definito dalla normativa vigente, nonché delle peculiarità storiche, culturali, naturalistiche e paesaggistiche che connotano il nostro Comune, così come del resto previsto dalla Legge Regionale n. 12/2005.

Si compone di: Sindaco o suo delagato, 9 membri, di cui 6 di maggioranza e 3 di minoranza.

COMPOSIZIONE ATTUALE COMMISSIONE
Patrini Gabriele - Presidente;
Benelli Edoarda - Uniti per Offanengo;
Forner Pierangelo - Uniti per Offanengo;
Cabini Emanuele - Uniti per Offanengo;
Cantoni Alessandro - Uniti per Offanengo;
Scaramuccia Emanuela - Uniti per Offanengo;
Scartabellati Maria - Progetto Offanengo;
D'Alessandro Alfredo - Progetto Offanengo;
Corlazzoli Alex - Quelli che Offanengo;
Tecnico Comunale, con ruolo di segretario della commissione.

NOVITA' INTRODOTTE DAL PGT
Le principali novità concettuali introdotte dal Piano del governo del territorio riguardano:
- la partecipazione dei cittadini;
- la compensazione;
- la perequazione;
- l'incentivazione urbanistica.


PROGETTAZIONE PARTECIPATA
Il primo atto che l'amministrazione comunale è tenuta a fare quando decide di iniziare la stesura del PGT è informare la cittadinanza che il processo è iniziato. I cittadini o le associazioni di cittadini sono invitati già da questa fase a formulare proposte in merito.
La differenza rispetto al Piano regolatore generale sta nel fatto che in quel caso i cittadini erano chiamati ad esprimersi solo dopo la prima adozione sotto forma di osservazioni al PRG già adottato.

COMPENSAZIONE
La compensazione è il principio secondo cui l'amministrazione comunale in cambio della cessione gratuita di un'area sulla quale intende realizzare un intervento pubblico può concedere al proprietario del suolo un altro terreno in permuta o della volumetria che può essere trasferita su altre aree edificabili. Questa volumetria è liberamente commerciabile.
Ovviamente il privato può realizzare in proprio l'intervento pubblico stipulando un'apposita convenzione con l'amministrazione comunale.

PEREQUAZIONE
Per perequazione urbanistica si intendono due concetti tra loro distinti. Il principio secondo cui i vantaggi derivanti dalla trasformazione urbanistica devono essere equamente distribuiti tra i proprietari dei suoli destinati ad usi urbani e il principio secondo cui questi vantaggi debbano essere condivisi con la comunità dotandola, senza espropri e spese, di un patrimonio pubblico di aree a servizio della collettività.

INCENTIVAZIONE URBANISTICA
Qualora l'intervento urbanistico introduca rilevanti benefici pubblici aggiuntivi a quelli previsti è possibile incentivare l'intervento concedendo un maggiore volume edificabile fino ad arrivare ad un aumento del 15%.
In pratica il privato può chiedere all'amministrazione comunale una maggiorazione del volume assegnato dando in cambio qualche vantaggio per la cittadinanza.